intestazione

Novità sul Festival

 
INNOVATION
08/06/2022
Il valore dei dati a supporto dell’innovazione digitale e delle startup
Alla scoperta dell’importanza dei dati con RETI
    

Impariamo qualcosa di più sull’importanza dei dati grazie all’incubatore RETI.

La business intelligence e, piu` in generale, la cultura del dato, sono delle risorse strategiche fondamentali e remunerative, nel lungo periodo, per tutte le aziende indipendentemente dal settore di riferimento.

Mentre un numero sempre maggiore di organizzazioni cerca di intraprendere un processo di trasformazione digitale strutturato, e` importante comprendere come i dati e gli analytics rappresentino una chiave di business importante e solidi supporti per dirigere i cambiamenti, reagire agilmente agli andamenti dei mercati, monitorare i ritorni d’investimento, meglio identificare i propri consumatori e i rispettivi comportamenti.

Una sana cultura del dato si pone alla base di un buon governo digitale di qualsiasi organizzazione ad ogni stadio di formazione (che si tratti di una startup o di una grande azienda), sia in termini tecnologici sia in termini di business; un atteggiamento, quello verso il dato, che richiede:

  • una data strategy che colleziona i processi, le risorse e le tecnologie coinvolte per raggiungere gli obiettivi di business;
  • un piano di data management per la gestione e archiviazione del dato da cui estrapolare utili KPI per il business;
  • un piano di change management a supporto di una cultura data-driven e una efficace comunicazione con l’obiettivo di dimostrare l’utilita` di collezionare informazioni di dettaglio da cui ricavare le rispettive analisi.

Fatta questa premessa, sono la digitalizzazione e i modelli di big-data analytics a giocare oggettivamente un ruolo importante per prendere decisioni migliori a favore del proprio business e per ridurre la soglia di errore.

Si puo` quindi comprendere come le startup possano beneficiarne in modo particolare, lavorando infatti in un ambiente ad elevato rischio e con un ciclo di vita temporalmente definito che le obbliga ad operare e a crescere in tempi relativamente ristretti.

Rispetto ai 3 approcci elencati, se si focalizza lo sguardo sempre sul mondo delle startup, la data strategy risulta sempre rilevante, ma e` necessario adattarne gli obiettivi, il perimetro e l’effort necessario per poterla svolgere al meglio al contesto delle startup.

Come possono quindi i dati supportare il lavoro di queste organizzazioni nascenti?

L’attivita` di strutturazione puntuale del dato in termini di data e change management, a partire dalle fasi di costituzione, puo` rappresentare un fattore impattante al fine di elevare la rispettiva efficienza e produttivita` di una startup per 3 motivi:

  • essere in grado di raccogliere ed organizzare le informazioni di mercato preziose per procedere con una corretta validazione dell’idea; 
  • tenere traccia di tutte le variazioni e le decisioni intraprese che permettono di delineare uno storico quantitativo al fine di determinare gli sviluppi futuri di business e giustificare le scelte prese;
  • avere delle strutture dati e un processo di organizzazione e gestione delle informazioni dinamico e in grado di adattarsi con i cambiamenti dell’azienda, molto frequenti in ambito startup.

Per concludere, la business intelligence, grazie alla propria capacita` di esprimersi in vari processi, metodi di raccolta, di memorizzazione e analisi dei dati, riesce a rispondere sia alle domande di una startup in tutte le sue fasi (dalla validazione e strutturazione dell’idea alla ricezione di feedback del mercato, ricerca di finanziamenti e crescita), sia ai quesiti di un’organizzazione in cerca di nuove aree di mercato, nuove modalita` di approccio o di progresso attraverso un percorso di trasformazione digitale.